identificazione a bassa frequenza

SISTEMA DI IDENTIFICAZIONE CONTENITORI CON TRANSPONDER SU RASTRELLIERA CON MEMORIZZAZIONE DATI SU RAM CARD E TRASMISSIONE RADIO MODEM PROCESSO E FUNZIONI

Il sistema di identificazione contenitori a bordo Baron permette il riconoscimento dei contenitori per l’ottimizzazione del servizio nella raccolta dei rifiuti.

I contenitori vengono forniti di transponder (del tipo passivo a sola lettura inizializzati con codice univoco a 10 cifre). Gli automezzi di raccolta vengono dotati di antenne specifiche che, posizionate sulla rastrelliera di aggancio dei cassonetti, effettuano la lettura del transponder.
All’avvicinamento dell’antenna fino ad una distanza compresa fra i 10/20 cm, il transponder trasmette con frequenza di 125 o 134,2 Khz il proprio codice di identificazione.
Il sistema funziona secondo il seguente procedimento:
• Il dispositivo avverte l’operatore tramite una lampada luminosa verde che la fase di lettura TAG è attiva;
• Successivamente, nel corso del sollevamento del cassonetto, trasmette il dato identificativo al terminale di bordo (con attivazione di un Buzzer esterno). Il segnale sarà intermittente in caso di trasmissione positiva, mentre sarà continua in caso negativo, con conseguente arresto del voltacontenitori;
• Il sistema può essere collegato direttamente all’unità satellitare, senza alcun apparato di controllo in cabina: in questo caso anche l’installazione risulta più semplice ed economica. Inoltre il dispositivo satellitare scarica i dati via gprs con le coordinate precise dell’evento associato a certificare il servizio svolto;
• Con il computer di bordo Force One invece, alla fine del ciclo di identificazione,l’operatore può verificare su lcd i dati salvati, provvedere ad impostare segnalazioni su legenda a finestra ed interagire con il responsabile del servizio in tempo reale. L’ operatore salva i dati su chiavetta USB e comunica come per la precedente versione i dati via gprs al server centrale.

Sono inoltre previste sulla pulsantiera esterna le funzioni di impostazione “codice operatore tramite chiave” che possono trasmettere diversi messaggi codificati: un codice di inizio turno, uno di impostazione codice TAG in caso di mancata lettura, e codici con messaggi memorizzabili per informazioni relative alla raccolta.